venerdì 12 gennaio 2018
U13: Amichevole a Bolzano e Pergine - Pinè

Prima o poi tutto finisce, l’anno vecchio se n’è andato con il suo fardello di ore di allenamento, di viaggi, di vittorie e di sconfitte, ma soprattutto sono finite le vacanze di Natale che hanno visto i nostri giocare sul ghiaccio, a Serraia, a Canzolino, su piste improvvisate, rubate alla neve e difese, per tornare il giorno dopo e giocare fino al buio, appena mitigato dalla luce del crepuscolo e rischiarato a tratti dai fari delle auto di passaggio.



.

Una vacanza così va chiusa in bellezza, magari al Palaonda contro il Bolzano: ed effettivamente tutto questo si è concretizzato nel pomeriggio di sabato sei gennaio, penultimo giorno utile, con il Piné ospite a Bolzano per un’amichevole, resa interessante soprattutto dalla determinazione dei padroni di casa che non ci stanno a perdere e per tre volte rimontano il temporaneo vantaggio del Pinè. La partita cambia volto quando i Foxes modificano qualcosa nelle retrovie e i nostri vanno in goal con più facilità: allora il clima si fa più teso e la frustrazione genera qualche intemperanza tra i padroni di casa, ma l’hockey è anche questo, purché il clima rimanga sereno e amichevole com’è stato a Bolzano. Un grazie e arrivederci agli amici Foxes!


.

Pergine – Pinè 1-5 ( 0-0; 0-3; 1-2) Pergine – Piné: ovvero il derby dell’Alta Valsugana, due società che nel tempo hanno avviato tanti giovani all’hockey, la stessa Nadia Mattivi, in questi giorni protagonista con la Nazionale U18 ai mondiali di Asiago, si è formata tra Piné e Pergine e ci auguriamo che in futuro tanti altri campioni possano uscire da queste Società.
Dunque martedì scorso si è finalmente giocata una partita doppiamente attesa, perché posticipata da novembre a gennaio, va detto subito che la classifica vedeva i Tigrotti favoriti, ma la cautela era d’obbligo proprio per il clima particolare dell’evento. Da subito le Linci organizzano la propria azione a difesa della gabbia, rinunciando a portarsi in avanti, se si eccettua qualche occasionale azione di rimessa. La strategia di coach Ambrosi paga fino a metà partita, quando finalmente in un paio di circostanze, l’ala smarcata insacca da distanza ravvicinata su assist del centro: uno schema che si è dimostrato molto efficace e dà delle interessanti indicazioni per il futuro a coach Vanzo.
Nel terzo tempo gli schemi non cambiano, finché non si verifica l’episodio della carica da dietro su Thomas, che dolorante, abbandona temporaneamente la gara. Il Piné, senza il suo onnipresente capitano, si protende in avanti con poca convinzione ed in contropiede subisce il goal del 3-1: è una fiammata quella del Pergine che riapre speranze destinate a spegnersi di fronte alla maggiore determinazione dei gialloneri che nel finale chiudono definitivamente un incontro molto combattuto e intenso.
Prossimo appuntamento sabato 13 gennaio alla Wurt Arena di Egna.
(GC)

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,548 sec.